ERGO SUM

martedì 25 marzo 2008

…IN….


E nonostante le avversità

Tu continui a scorrere o dolce

E amara vita.

Studio. E nello studiare

Non trovo risposta, ASSENTE

Non trovo certezza….mi perdo.

E continuando a crescere

Ti accorgi di invecchiare e

Ciò ti intimorisce. Ti fa tremare.

Fa vibrare quel tuo corpo

Così strano, quel tuo viso così unico,

quel tuo passo originale.

Nella vita credi che tutto sia facile,

tutto sia lecito o sia proibito!

Ma nella vita, se non c’è vita, cos’è concesso?

Il perdono? No.

Senza vita nemmeno il respiro è

concesso, nemmeno un passo, un gesto.

Perché esisti tu, allora?

Per farmi conoscere il lecito, il proibito?

Per imparare a perdonare?

Non lo so! E se esistessi

Per farmi crescere? Per dirmi

“Stai attenta”?

Inevitabilmente sei capitato

Nella mia strada per dirmi che

Ti faccio ribrezzo, che non mi sopporti.

Aiutami a capire!

Non ti ho chiesto il mondo.

Non ti detto di rimanere per sempre con me.

Non sono innamorata. Lo so!

Riesco a capirlo quando è presente.

Riesco a sentire le vibrazioni.

Riesco a percepirti

Ma con te ciò non mi capita

Non ti sento!

Non comportarti da idiota!

Cresci e fammi crescere

Impara ed insegnami ad imparare

Rispettami ed impara a rispettare

R.P.

[a chi non sa cosa significhi amicizia, amore, affetto…o perlomeno che non ne conosce la differenza]

3 novembre 1996

2 commenti:

  1. è veramente una bellissima poesia....complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Nicola!!!
    E' stato un piacere!
    Romana

    RispondiElimina

Post più popolari

Qualcosina su di me!!!

La mia foto
Roma / Sevilla, RM, Italy
(Roma, 08.10.1977)- E’ laureata in Farmacia, presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza". Si affaccia al mondo della poesia sin da piccola, quando scopre i versi di G. Leopardi, G. Ungaretti, E. Montale.

A quindici anni inizia a esprimere i suoi stati d’animo, inquieti e romantici, componendo “Noi come voi”, "Il Silenzio”, "Spiagge", "Penna fra le dita", poesie acerbe e istintive, manifestazioni di quella continua e quotidiana ricerca di equilibrio e amore che tuttora permea le sue opere, nonché espressioni della difficoltà di crescere e di rapportarsi con familiari e amici, con l’amore e l’amicizia, la malinconia e la gioia.

Nel 1995 ha vinto il Premio per la Poesia indetto dalla casa editrice "Libro Italiano" di Messina.

Nell’Antologia “Diglielo al vento – Donna in poesia - Versi al femminile” ha inserito una sua opera “Arco” (Aprile 2011- Ass. Culturale Darmatan – Progetto Flanerí).
Seconda classificata ad un concorso di Poesia inedita organizzata dall'associazione "Insieme Nel Mondo" - Savona (3 sett 2011).

Contattatemi