ERGO SUM

venerdì 12 novembre 2010

La solitudine

un cuore che batte in piena notte ci sveglia
sola nel letto
tento di guardare il buio
niente
niente spiraglio
niente
abbraccio il silenzio
e la mia libertà respira
abbraccio il buio
ed abbraccio me
sento calore
sento battito
sento me

La solitudine
non è solitudine
è convivenza
è imparare a conoscermi
imparare a conoscersi
vincere le paure interiori
vincere le paure allo specchio

Garantirsi la fedeltà
assicurarsi rispetto
dedicarsi canzoni, libri, sorrisi

Solitudine è continuare ad amare
continuare a respirare
continuare a vivere
Vivere... un amore
un profondo amore
per una lacrima ricca di gioia.

La nuvola prima di permettere all'acqua di scendere
e bagnarci i pensieri
si colma, si ingrandisce
cresce
si amalgamano gocce nell'aria...
alla fine però
cede
cede e piove
piove su di noi...

Roma, 12.11.2010
Romana

________________________________________
Tutte le opere sono protette da diritto d’autore.
E' vietata la riproduzione e la modifica, anche parziale,
delle opere pubblicate sul sito senza autorizzazione
del proprietario delle opere Romana Pincitore.
Per ulteriori informazioni, promana@ymail.com
-----------------------------------------------------
All the poems are protect by copyright.
Any reproduction and modification, also partial, of the

poems  published on the site is prohibited without
authorization of the owner of the poems Romana Pincitore.
For further information, promana@ymail.com
-----------------------------------------------------
© Copyright 2007 Romana Pincitore

2 commenti:

  1. sono parole che riescono a farti venire un nodo alla gola, arrivano fino a toccarti l'anima...COMPLIMENTI.

    RispondiElimina
  2. Fino a quando esisteranno persona con anima speciale... talmente speciale da riuscire a carpirne l'essenza... le poesie continueranno a vivere.
    Grazie!

    RispondiElimina

Post più popolari

Qualcosina su di me!!!

La mia foto
Roma / Sevilla, RM, Italy
(Roma, 08.10.1977)- E’ laureata in Farmacia, presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza". Si affaccia al mondo della poesia sin da piccola, quando scopre i versi di G. Leopardi, G. Ungaretti, E. Montale.

A quindici anni inizia a esprimere i suoi stati d’animo, inquieti e romantici, componendo “Noi come voi”, "Il Silenzio”, "Spiagge", "Penna fra le dita", poesie acerbe e istintive, manifestazioni di quella continua e quotidiana ricerca di equilibrio e amore che tuttora permea le sue opere, nonché espressioni della difficoltà di crescere e di rapportarsi con familiari e amici, con l’amore e l’amicizia, la malinconia e la gioia.

Nel 1995 ha vinto il Premio per la Poesia indetto dalla casa editrice "Libro Italiano" di Messina.

Nell’Antologia “Diglielo al vento – Donna in poesia - Versi al femminile” ha inserito una sua opera “Arco” (Aprile 2011- Ass. Culturale Darmatan – Progetto Flanerí).
Seconda classificata ad un concorso di Poesia inedita organizzata dall'associazione "Insieme Nel Mondo" - Savona (3 sett 2011).

Contattatemi