ERGO SUM

domenica 16 ottobre 2016

Vana speranza

Inutile
Passi felpati i tuoi
Non incontrano i miei
Ombre immobili
Su pensieri ancorati
Non sei qui perché lo senti
Lo sei ma stringo i denti
Inevitabilmente assumo le vesti
Di chi sa farsi male
Le tue parole cristalline
Colpiscono
Fingo
Giro lo sguardo
Persevero e provo
Mentre il tuo volto si oscura
Le tue mani mi cercano
Io annego
Soffoco in questa dannata attesa
Vana speranza

compresa

Nessun commento:

Posta un commento

Post più popolari

Qualcosina su di me!!!

La mia foto
Roma / Sevilla, RM, Italy
(Roma, 08.10.1977)- E’ laureata in Farmacia, presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza". Si affaccia al mondo della poesia sin da piccola, quando scopre i versi di G. Leopardi, G. Ungaretti, E. Montale.

A quindici anni inizia a esprimere i suoi stati d’animo, inquieti e romantici, componendo “Noi come voi”, "Il Silenzio”, "Spiagge", "Penna fra le dita", poesie acerbe e istintive, manifestazioni di quella continua e quotidiana ricerca di equilibrio e amore che tuttora permea le sue opere, nonché espressioni della difficoltà di crescere e di rapportarsi con familiari e amici, con l’amore e l’amicizia, la malinconia e la gioia.

Nel 1995 ha vinto il Premio per la Poesia indetto dalla casa editrice "Libro Italiano" di Messina.

Nell’Antologia “Diglielo al vento – Donna in poesia - Versi al femminile” ha inserito una sua opera “Arco” (Aprile 2011- Ass. Culturale Darmatan – Progetto Flanerí).
Seconda classificata ad un concorso di Poesia inedita organizzata dall'associazione "Insieme Nel Mondo" - Savona (3 sett 2011).

Contattatemi